Come guardarsi allo specchio?

2021-03-18T13:03:23+02:00

La strana storia del Dolce di Pasqua:
Perchè non è uguale all’illustrazione di copertina? 

 

Eih! Ma è diverso!

Ma non somiglia alla foto!

Ma perché non è lo stesso prodotto?!

 

Ecco quello che in questi giorni abbiamo letto a proposito dei nostri mini Dolci di Pasqua.

Ovviamente sapevamo che questo tipo di rimprovero ci sarebbe potuto essere ed è quindi giusto che si spieghi per filo e per segno come stanno le cose quando lanciamo un nostro prodotto:

 

Solitamente la procedura è lunga e consiste in una prima fase di analisi, richieste del mercato, test interni all’azienda e prove su prove “in cucina” (per così dire).

Scelto il prodotto e prevista una data di lancio si inizia a lavorare alla sua presentazione e quindi al packaging (incarto primario e secondario).

Scelto il packaging e completate le varie procedure burocratiche relativamente al mondo del Senza Glutine, il prodotto è pronto a partire.

 

Poi ci sono i dolci più “artigianali” ovvero quelli in edizione limitata, in tirature ridotte e con gusti o forme speciali.

Fra questi naturalmente spiccano i nostri mini Dolci di Pasqua.

Primi concept dei due dolci di Pasqua

 

Questo tipo di articolo è fatto per un breve periodo all’anno e in unità limitate. Anche gli ingredienti di farciture e ricoperture sono particolari e spesso vengono utilizzati solo per una volta all’anno.

La scelta del tipo di dolce pasquale ricade spesso non solo sulla bontà del prodotto finito ma anche sull’equa attribuzione del prezzo, ovvero ciò che deve pagare il consumatore finale (o comunque essere scalato dai buoni nel caso dei celiaci).

 

Sebbene anche questi prodotti seguano il rigido iter presente per gli altri lanci, tutto avviene più in fretta e spesso è soggetto a cambiamenti in corso d’opera.

Questo approccio è da ricondurre allo spirito che anima Aglutèn, legato alla tradizione e al lavoro umano (sempre più raro oggigiórno).

Così ogni tanto capita che un dolce possa essere deciso in un modo e poi modificato perché risulti non solo buono ma anche migliore a livello produttivo (per esempio per la conservazione) e commerciale.

 

Concept definitivi a packaging tuttavia già terminato

 

Ma arriviamo a noi.

Quest’anno come saprete il Covid 19 ha sconvolto tutti ed ha reso la comunicazione più complessa e allungato le tempistiche a dismisura.

Creare un packaging richiede tempo e spesso si deve partire con la sua creazione ancora prima di avere il prodotto fra le mani, in particolar modo se questo è artigianale o edizione speciale.

Quest’anno le tempistiche sono state ancor più strette del solito ed Aglutèn ha pensato bene di sfruttare a proprio vantaggio questa incertezza sull’aspetto finale del prodotto chiedendo aiuto ad un artista toscano.

 

Il Disegnatore ha quindi dipinto 2 Dolci di Pasqua seguendo delle linee guida ma vedendo il prodotto solo nelle sue fasi embrionali.

 

L’artista ha avuto cura di creare un effetto particolare per rappresentare la glassa al pistacchio, il quale se guardato di fretta può somigliare alla granella. Nello stesso modo ho presentato le mandorle nella loro forma intera quando in realtà il prodotto finito ha la granella.

I disegni sono quindi solo rappresentativi del prodotto ma non lo ritraggono in maniera fotografica.

 

I punti importanti e da evidenziare sono i seguenti:

 

  • Sulla confezione (in fronte) è riportata la dicitura: “Immagine al solo scopo illustrativo”, forma breve de ““Immagine al solo scopo illustrativo, Il prodotto può subire modifiche” o simili. Questa dicitura avverte i clienti che ciò che viene rappresentato nell’immagine può non essere il prodotto come esso realmente appare.

 

  • La tabella nutrizionale ed elenco ingredienti sono approvati dal Ministero della Salute. Il cliente può consultare l’elenco ingredienti per sapere con certezza cosa contiene il prodotto.

 

  • Comunicazione in foto chiara. Tutta la nostra pubblicità riporta il prodotto al suo stato attuale e toglie ogni dubbio e fraintendimento.

Flyer inviati a tutti i punti vendita

 

Concludiamo chiedendo scusa a chi si è illuso ma siamo certi che il sapore e la sofficità del prodotto non potrà che conquistare!

 

C’è un solo modo per giudicare: scartare ed assaggiare!

 

 

 

Buona Pasqua da Aglutèn.